SPQD (Sono Pazzerelli Questi Donatori)

Lascia un commento

7 maggio 2015 di Odette

C’è una cosa che mi appassiona ultimamente, una specie di fissa, un appuntamento ricorrente come l’oroscopo di Brezsny, una roba che mi dà ogni volta un guizzetto di soddisfazione come quando trovo una pinzetta per sopracciglia che funziona bene, una piccola cosa insomma, ma fondamentale: leggere i post degli iscritti alla ADMO ovvero la Associazione Donatori di Midollo Osseo.

Allora, c’è questo gruppo facebook dove la gente che fa la donazione di midollo scrive cose del tipo “mi hanno tipizzata oggi” e ci mette tanti punti esclamativi, oppure “mi è arrivata la tessera da donatore finalmente” e posta la foto della tessera come il più fico dei trofei, oggetto di desiderio e invidia.
Ecco, questa è una cosa che mi piace proprio un casino. Frequentatelo questo gruppo perché è pieno di strana gente che si entusiasma per essere stata “tipizzata” (che a quanto ho capito è uno dei primi passaggi per diventare donatori), di gente viva grazie a quella gente strana, di gente che ringrazia il proprio donatore sconosciuto di Philadelphia o di Corfù e di gente che oltre a giocare a Candy Crush si prende la briga di chiedere come si fa a diventare donatori, scopre che è facile, sì, ma che richiede anche un piccolo sacrificio e invece di lasciar perdere dice: sai che c’è? Io lo faccio!
A quanto ho capito funziona così: fai un prelievo, aspetti aspetti e aspetti, anche anni, e poi un bel giorno, mentre sei lì che non fai niente di memorabile, tipo girare la pasta col sugo pronto, potresti ricevere una telefonata emozionante che ti dice che sei compatibile con un paziente in attesa di trapianto e che è giunto il momento di sottoporti a un piccolo intervento (una puntura sul bacino) o a una breve cura farmacologica, entrambi senza conseguenze, per farti prelevare il midollo. E così all’improvviso realizzi che:

1) Sei unico al mondo. Sì perché, la compatibilità tra non consanguinei è molto rara. È più difficile che trovare l’anima gemella: per quel malato esisti tu e solo tu, con i tuoi difetti, le tue grandezze e le tue miserie, con la tua forza e i tuoi limiti, con i tuoi peli superflui o la tua pancetta. Ti desidera così come sei, non vuole cambiarti nemmeno se sei uno che spreme il dentifricio dal mezzo, non vuole cambiare neanche una cellula del tuo essere, perché ti ama fino al midollo, anzi di te ama soprattutto il midollo e non solamente le tue tette, per dire. Del resto, come cantavano la Salerno e Jo Squillo: “siamo donatori, oltre alle gambe c’è di più”!
Insomma realizzi che al mondo c’è qualcuno per cui sei più unico che raro, e allora sì che impari a volerti bene per davvero.

2) Salverai la vita a una persona. Diciamocelo, non è che sei proprio risolutivo come Leam Neeson o Chuck Norris, ma cacchio, stavolta puoi salvare la vita a una persona, non so se mi spiego. E per cui anche se la cosa più travolgente che hai vissuto fino od oggi è stata il concerto di Biagio Antonacci, tra non molto potresti anche tu sfiancare tutti dicendo “vi ho mai raccontato di quella volta che ho salvato la vita ad uno sconosciuto?”.

3) Sulla Terra ci sarà un gruppo di persone, quella che hai salvato e la sua famiglia, che ti sarà eternamente grato e che ogni sera ti augurerà cose magnifiche, formulerà il più bel pensiero per te e lo lancerà nell’universo. Diciamo che questo dovrebbe pareggiare le maledizioni che ti tira il tizio di sotto quando gli sbatti la tovaglia sul terrazzo o quello che stavi per tamponare perché smanettavi con lo smartphone.

4) Sei un donatore ora. Questo significa, ad esempio, che puoi farla finita con la storia che la tua auto fa 21 con un litro o che dieci anni fa hai segnato due goal nella amichevole ‘Ragionieri del catasto’ contro ‘Punkabbestia’. Adesso hai un argomento migliore per pavoneggiarti. Devo proprio insegnarti tutto io?

Insomma ragazzi, doniamo tutti quanti il midollo che tanto ricresce come la coda delle lucertole, doniamo e facciamo donare e poi… frequentiamo questo gruppo della ADMO perché è fatto di persone che hanno un senso ed è pure pieno di bei ragazzi e ragazze che si fanno selfie da strafighi con la loro tessera ADMO in mano. Insomma proprio dei bei tipi, anzi, tipizzati.

image Salvare una vita è quella cosa che ti accade
mentre sei impegnato a girare il sugo

.

P.S. Informazioni più precise sulla donazione le trovate qui: http://www.admo.it.

Il gruppo facebook di cui parlo è questo qui:
https://www.facebook.com/groups/49821372069/?ref=ts&fref=ts

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: