Pensavo fosse amore e invece era moquette

Lascia un commento

13 ottobre 2015 di Odette

Finalmente, ti dici, finalmente un albergo dove non ci sono quelle stitiche tesserine per aprire la porta, ma una bella chiave grossa di quelle di una volta, una chiavona. E per accendere la luce, non devi infilare la stitica tessera, statisticamente sempre storta, su qualche stretto angolo di muro, ma basta premere un bel tastone, quello di un classico interruttore che accende la luce come mangia, senza strane velleità da vorrei-essere-un-techno-hotel-ma-sono-un-cugino-di-campagna. Click, luce, fu, punto.
Finalmente un armadio dove ci sono degli appendiabiti veri, non quelle grucce attaccate al bastone con le unghie e con i denti, che per appendere la camicia devi arrampicarti senza dignità. Ma dei sinceri appendiabitoni. Stacchi, appendi, attacchi, punto.
Finalmente un albergo come si deve, semplice, chiaro come i patti.
Poi abbassi lo sguardo.
E la noti.
La moquette.
Una bella irriducibile mochettona degli anni ottanta. Unta come la padella di una Hell’s kitchen qualsiasi.
E pensare che stavi quasi per innamorarti di questo ruvido hotel, eri già pronta a una tripadvisorata fantastica.
Ma per amarlo
bisogna avere la moquette sullo stomaco.

.

image

(No, comunque non era così fashion-vintage-shining,
la mochettona dell’albergo in questione.
Ma la foto vera non avevo cuore di metterla)

.

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: