La ragazza di campagna

3

18 febbraio 2016 di Odette

Capita che per lavoro io debba andar lontano, diciamo a Versailles, a un gran galà di beneficenza, con cena e asta di raccolta fondi annessa.
Ora, io sono una ragazza di campagna, praticamente la versione femminile di Renato Pozzetto, ogni volta che apro una scatoletta di tonno dico taac! per intenderci. Mica lo so come funziona un’asta!
Bisogna stare attenti, è tutto un motto come alle gare di briscola, basta uno sguardo complice al battitore e ti ritrovi sul groppone una maglia di Del Piero per dodicimila euro. Metti poi che fai un lieve cenno al cameriere per domandare dov’è la toilette, perché hai un impellente bisogno di incipriarti il naso, e taac! ecco che ti aggiudichi un cd dei Jalisse per novemila euro (autografato, ok). Alzi il sopracciglio e zac! una foto di Carlo Conti per diecimila non te la toglie più nessuno. Ti sistemi le mutande e caz! complimenti signora lei si porta a casa il materasso su cui ha dormito Giacomo Leopardi! Deve solo finire di pagare le ultime trentasette comode rate. Chiami ora Tele Recanati per avere in omaggio la coperta di lana merinos, si affretti ché in sul calar del sole la promozione termina!
Per non parlar dell’abito. Come ci si veste? Abito lungo? Volpe sul collo?
L’unico vestito da sera che ho io é infiammabile, preso alla “Grande muraglia” per ventinove euro. Una amica mi ha suggerito di ricavarne uno dalle tende di casa, come Rossella O’Hara e Georgie. A parte il fatto che l’unica volta che ho attaccato un bottone mi sono cucita il dito nel mezzo, un triste würstellino rosa ben stretto dentro il filo nero, la cosa non è così semplice. Quelle giocavano facile con i tendaggi tutti volant e rouches, ma vorrei vederle oggigiorno con le tende rigide dell’Ikea. Con quelle ti esce una cosa alla Lady Gaga… secondo voi è appropriata?

image

Ad ogni modo l’importante è il galateo a tavola. E qui vado serena, Miss Vivian ha insegnato tanto alla mia generazione, lo sappiamo che il massimo che ti può capitare é di usare l’attrezzo per sgusciare le escargot come piegaciglia e di far volare una stronza lumachina.
Cercherò solo di non pestare una merda poco prima di entrare, come mi é successo all’ultimo evento, perchè secondo me le scarpe con la zeppa il più delle volte sono grezze anche in campagna.

.

image

 

.
.

Annunci

3 thoughts on “La ragazza di campagna

  1. Nicole ha detto:

    Lo devi scrivere in alto nel blog che i lettori potrebbero ridere fragorosamente. Ero in pubblico e mi hanno preso per scema

    Liked by 1 persona

  2. Nicole ha detto:

    Il piacere è tutto mio, il wurstelino rosa cucito sotto un bottone mi accompagnerà per giorni 😀

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: